Quanto si può essere “green”?